“Né il fitness né la regolarità del campionato sono coperti a Verona con la Primavera. Ci siamo andati a Napoli, altri ci hanno messo mezz’ora a dire di no. Stiamo facendo la bolla 4-5 con l’NBA per salvare il campionato”. Bomba ai microfoni di “Radio Punto Nuovo” di Daniele Faggiano, direttore sportivo del Genoa. Il club Rossoblù ha confermato attraverso il suo presidente, con 17 giocatori di supporto, che la Primavera sarebbe scesa in campo contro l’Hellas. Sembra un allenamento di calcio a 5. La squadra ha fatto i tamponi ai primi negativi dopo i primi negativi e quelli positivi hanno dovuto fare anche il secondo tampone dopo il primo positivo. Abbiamo 17 squadre che non valgono niente”.

Partita vs. Verona?

Sono andato a giocare a Napoli. La legge della FIFA e dell’Uefa non prevedeva che i giocatori con un cattivo ammortizzatore dovessero allenarsi, ma la Asl ci ha bloccato e non ci ha permesso di prepararci. Abbiamo dovuto aspettare fino a lunedì per decidere di non partire per Torino. Il Napoli ha aspettato mezz’ora: Non sono arrabbiato con il Napoli, hanno preso una decisione, quindi per tutti il calcio deve essere lo stesso. Sono un pazzo ad andare a giocare se dicono di sì. Non ci hanno garantito che ci manderanno i risultati a Napoli alle 11 del mattino e noi abbiamo fatto gli assorbenti all’una di domenica. Con la Primavera andremo a Verona: i giorni passano e non è stato deciso nulla. E volevano che giocassimo con il Torino a metà settimana per recuperare, quindi è fantastico. Ora ci sono le liste: avere liste in un momento come questo con Covid è ridicolo. Nessuno dei giocatori non è partito per Covid. Sia come salute che come giocatori, non siamo coperti. Rinchiuderci in una bolla per 4-5 mesi: faremo tutti un sacrificio. Anche se, se l’avessimo detto prima, la rivolta sarebbe stata di tutti.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY