Un’intervista al Corriere della Sera è stata rilasciata da Fabio Capello, dal titolo: “Milano dallo scudetto. Rimarrà lassù perché se lo merita” Il Diavolo è “autorizzato a non sognare, ma a pensare in grande”. Perché la differenza è sostanziale: tutti possono sognare in grande, pensare in grande, ma non pensare in grande. E Milano può farlo ora, anzi deve” secondo il tecnico. Perché la differenza è sostanziale: tutti possono sognare in grande, pensare in grande, ma non pensare in grande. E ora, o meglio deve, Milano può farlo.

Poi prosegue parlando del momento in cui Milano si è convinto di essere grande: “La vittoria di Napoli è stata una prova di forza impressionante. Ma sono rimasto molto colpito anche dalla vittoria sulla Fiorentina, per la facilità, la risolutezza. MIlan lì si è imposto come grande, senza soffrire, gestendo, come le grandi squadre. Senza ansia e soprattutto senza Ibra”.

 

Inter e Juve hanno un bagaglio tecnico e scelte che le riporteranno chiaramente ad essere protagoniste, hanno rose grandi e ricche”. Chiusura dedicata alle difficoltà degli altri:”
La Lazio è un enigma, l’Atalanta conta su come i campioni vanno avanti, il Napoli è coordinato. Ma il Milan è lassù, credetemi, e se lo meritano”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY